Cantina Duilia – Compagnia Teatrale i Legnonesi

Le cantine “Duilia” sono ubicate al piano interrato di due fabbricati siti in via Asilo, nella via che dalla Chiesa di San Bernardino sale alla fontana in centro Villatico ed in prossimità della diramazione con la via San Rocco.

Le cantine sono situate all’interno di due fabbricati prospettanti su una corte privata dalla si accede dalla via Asilo prima di oltrepassare la “tomba”, mentre dalla via San Rocco si può accedere solo a piedi tramite una scaletta esistente. Le cantina attualmente sono di proprietà dei fratelli Tibolla Fausto e Dario residenti da tempo in Svizzera, essi l’hanno ereditata dalla mamma Branchini Duilia dalla quale deriva il nome delle cantine.Gli stabili furono acquistati dalla famiglia della Signora Duilia e dal marito Ettore negli anni ‘56-’57 dal Sig. Canclini Florio che divenne proprietario acquistando le parti dei fratelli Canclini Maria e Giuseppina, i tre fratelli Canclini ereditarono tutta la proprietà dal padre Canclini Nicola. Nel fabbricato confinante con la via Asilo troviamo la prima cantina con annesso il locale del torchio che veniva ovviamente utilizzato per la torchiatura dell’uva, entrando nel locale dalla corte c’è ancora un torchio e dalla parete di destra si scende mediante una scaletta nella cantina che è stata recentemente ristrutturata e si presenta in tutto il suo splendore con illuminazione a pavimento, ai tempi però veniva utilizzata per la stagionatura e la conservazione del formaggio; originariamente nello stabile in oggetto, sulla sinistra del locale del torchio, c’erano le stalle, la prima per il mulo mentre la seconda per il ricovero di 5-6 mucche, al piano soprastante c’era il fienile mentre sopra il locale del torchio c’era il locale uso abitazione.

Nell’altro fabbricato è ubicata la seconda cantina, molto più profonda, dalla porta d’ingresso prospettante sulla corte si scende ripidamente dalla scala,in fondo a sinistra si entra nel locale in oggetto, ai tempi era utilizzata per la conservazione del vino lavorato e prodotto nell’altro locale, la cantina si presenta ancora in un ottimo stato di conservazione;originariamente al piano terreno del fabbricato in oggetto c’era una bottega di alimentari gestita dai genitori di Canclini Florio;ai piani alti c’erano i locali adibiti all’abitazione della famiglia Canclini.

Oggi gli i fabbricati sono utilizzati come abitazione saltuaria delle famiglie Tibolla residenti in Svizzera, essi sono stati recentemente ristrutturati e si presentano con le cantine in un ottimo stato di conservazione, la posizione centrale e la corte privata annessa ai fabbricati ne fanno una location invidiabile per il loro esordio all’interno della manifestazione “Colico in Cantina 2014”

Posted in Cantine, Percorso Territorio.